Maleficent

Maleficent mi è piaciuto, e molto anche, e non solo per la splendida Angelina Jolie, meravigliosa come non mai, ma anche per le atmosfere con richiami ai disegni di Brian Froud e Arthur Rackham, per la rilettura femminista della vicenda, per la figura di guano che si fa il principe azzurro (e a proposito di guano, sicuri che non preferisca Fosco il corvo in vesti umane?), per i richiami ecologisti e per l’assunto che i bambini, comunque sia, sono di chi li cresce e li ama.
Certo, posso capire che i puristi storcano il naso, e io avrei comunque trattato meglio le tre fatine, tra cui c’è la grande Staunton e la giovane e interessante Juno Temple, e avrei fatto di Aurora un personaggio un po’ più politicamente scorretto, è ancora troppo buona. Ma tanto ho in mente anch’io una rilettura della Bella Addormentata molto anticonformista, e no, non come quella di Anne Rice. Io non amo le donne sottomesse. Né le buone né le cattive.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: