Il gioco di Ripper

Tra le mie autrici contemporanee preferite, un posto d’onore lo riservo da oltre vent’anni a Isabel Allende, che ho scoperto grazie al non eccelso film La casa degli spiriti, e che ho continuato a leggere con le altre sue opere, apprezzando molto le sperimentazioni.
Devo dire che Il gioco di Ripper, sua incursione nel mondo del thriller, non mi ha delusa per niente, anzi, e per l’intreccio, appassionante e a incastro con un colpo di scena che non ti aspetti e un controfinale amaro, e per i personaggi, tra cui madre e figlia agli antipodi, e per i riferimenti a tanta cultura popolare di oggi, in primis a quella geek. Un libro da leggere e rleggere, ambientato in una città come San Francisco, da sempre in testa ai luoghi dove vorrei andare. Magari senza serial killer. A questo punto, di fronte a tante sperimentazioni di Isabel Allende, attendo un suo omaggio al fantasy. Sono sicura che sarà all’altezza.

giocoripper

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: