Aspirazioni e progetti

I fumetti sono un hobby, devi cercarti un lavoro serio. E non puoi pensare di perdere tempo dietro a cose difficili come studiare giapponese, ci vanno anni!
Magari cambiando qualche termine all’interno, sono convinta che molti e molte si sono sentiti negli anni dire queste belle paroline per scoraggiare sogni e aspirazioni, da parte di gente rimasta ancorata a modelli vecchi, che non capisce che oggi aziende ed enti non assumono più con i ritmi degli anni del boom economico, per cui poteva valer la pena barattare le proprie aspirazioni per un lavoro tranquillo e garantito che ti assicurava stipendio e pensione, e la possibilità magari di dedicarsi a cosa ti piaceva nel tempo libero.
Adesso, e con adesso ritengo da una ventina d’anni a questa parte, non è più così, e cercare un cosiddetto lavoro serio si traduce nel passare la vita a fare lavori precari, sottopagati, che ti fanno pure schifo e non ti lasciano nemmeno il tempo per dedicarti alle cose che ti piacciono, perché devi essere sempre disponibile, come capita nei lavori della cosiddetta new economy.
Morale, questa è l’anticamera del diventare neet o comunque di passare la vita infelici e frustrati, a lamentarsi con Renzi, Berlusconi and company che non ci sono prospettive, quando per primi si sono tagliate fuori le proprie prospettive.
Che nel nostro Paese ci sia una situazione più difficile che altrove, soprattutto per i lavori culturali, creativi e legati alla conoscenza è indubbio, ma dire ad un giovane, ragazzo o ragazza, che deve tenere la sua passione, qualunque essa sia, come un semplice hobby è una cosa cattiva, meschina, ottusa, con la presunzione di vecchie generazioni legate a schemi superati e che non capiscono il mondo di oggi.
Nessuno e nessuna dovrebbe accettare questo, anche perché questo ci condanna ad anni se non una vita impantanati nella cacca, a essere infelici e a fare male quelle cose tanto serie che dovrebbero garantirci una vita che ormai è difficile ottenere.
Occuparsi delle proprie passioni e interessi in modo da farli diventare un lavoro non vuole dire battere la fiacca e fare un tubo dal mattino alla sera. Vuol dire essere sempre attivi, umili e pronti ad imparare cose nuove, disponibili al confronto con altre persone, aperti al mondo, attenti, pronti al sacrificio, eclettici: tutto quello che non si è se si ingabbiati in una vita che non ti appartiene e che vivi male.
Mi rivolgo a chi è giovane: se  qualcuno in casa vi dice una frase simile a quella sopra, con magari qualche modifica, mandatelo a stendere, chiunque sia. Siamo futuro cibo per i vermi, come diceva il grande professor Keating, e non dobbiamo sprecare nemmeno un attimo delle nostre vite a fare qualcosa che non ci appartiene.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: