archivio

Fumetti

Per la terza volta si è rinnovato qui a Torino l’appuntamento con il Torino Xmas Comics, l’edizione invernale della più nota e paludata Torino Comics. Due giorni di divertimento, acquisti, colori, incontri con persone speciali, a cominciare dai grandi doppiatori Fabrizio Mazzotta, Domitilla D’Amico, Georgia Lepore, Veronica Puccio, degustazioni di sidro e tomino, foto, conferenze. Peccato per il mal di testa che mi ha rovinato un po’ la domenica, ma solo un po’.
In mostra la domenica, con il mal di testa, e appesi al collo vari ciondolo tra cui l’auryn de La storia infinita, ho incontrato tre ragazzine che mi hanno fatta commuovere, dicendomi che è bello incontrare persone adulte come me in mezzo al grigiume generale. Poveracce, loro non hanno conosciuto il grigiume anni Ottanta fatto di conformismo e imposizioni eterosessiste e conformiste al suon de I fumetti sono un hobby devi trovarti un lavoro serio oppure Non puoi perdere tempo facendo cose come studiando giapponese. Per fortuna, quello schifo me lo sono lasciato dietro, mi sono inserita nel mondo nerd non solo come semplice appassionata, diventandone un’esperta (anche se ho ancora tanto da imparare, anche da giovanissime piene d’energia come loro) e voglio rimanere qui. Per me stessa e per gli altri, per creare alternative a disperazione e rigurgiti sbagliati. Anche attraverso i fumetti e la fantasia, che possono aiutare la gente a vivere una vita migliore. Con me e altri l’hanno fatto.

sam_6851

E anche quest’anno non potevo mancare a Lucca, come sempre in gita in giornata grazie alla Fandango di Walter Tiziano Pairone. Ogni anno mi riprometto di tornare l’anno dopo e fermarmi qualche giorno in più, ogni volta non ci riesco per ora anche se conto di consolidare sempre di più la mia presenza nel mondo nerd con varie pubblicazioni e attività.
Però anche se per poche ore Lucca è sempre magica, con i suoi colori, odori, viuzze, assaggi, cosplayer, incontri. Uno dei posti dove mi sento me stessa e a casa, pieno di amici che non ho ancora incontrato e dove è sempre bello andare.

inferno2

Tornano Dan Brown e Robert Langdon al cinema in un thriller fantascientifico appassionante e adrenalinico. Il libro è meglio, ma anche il film non scherza, e per un attimo ha soddisfatto la grande nostalgia che ho di Firenze.

pazza

Forse il film migliore che ha fatto Virzì, una storia al femminile on the road, che fa riflettere sulla diversità e sul disagio mentale, e su quanto alla fine tutti siamo diversi a modo nostro.

il-mio-primo-dizionario-delle-serie-tv-cult

Un must imperdibile per i fan delle serie di culto come la sottoscritta. Ci sono quasi tutte le mie serie preferite, come da citazioni in copertina.

gli-occhi-neri-di-susan_7495_

Un cold case riaperto, uno dei tanti bei thriller che escono in Italia e anche per la casa editrice Newton Compton. Il titolo si riferisce ad una specie di margherita, molto diffusa negli States, che sembra avere gli occhi neri.

la-vita-a-rovescia-cop-baldelli-i74bigg3

Dimenticate i romanzetti storici a base di eroine indomite che vedono più uccelli del cesso pubblico di Porta Nuova. Qui la protagonista, realmente esistista, è una donna che si finse uomo per poter lavorare e mangiare, ma anche per poter essere libera di amare le altre donne. Da non perdere.

come-il-colore-della-terra_cover150

Una struggente graphic novel sul Messico e la rivolta del Chiapas, raccontata come una fiaba attraverso gli occhi di due bambini e di alcuni animali. Per tutte le età.

nel-paese-dei-mullah-vassaf

Uno dei fumetti fondamentali per capire l’Iran e il mondo musulmano, insieme a Persepolis di Marjane Satrapi e Habibi di Craig Thompson, ma più realistico e forte di questi due.

cover_avevamo-ragione-noi_fronte

Per non dimenticare il G8 di Genova.

il-metodo-della-fenice-209x300

I thriller di Antonio Fusco sono una delle tante scoperte buone di questi mesi, libri che raccontano di indagini nell’animo umano, in questo caso con orrori nascosti dietro a persone irreprensibili.

harry-ti-presento-sally_news_newsletter

Uno dei pochi film commedia che sopporto, moderno e pimpante… si vede con piacere ancora adesso.

Anche quest’anno è andato e passato Torino Comics, appuntamento che seguo dalla prima volta (ho saltato solo l’edizione del lontano 1996), che è cresciuto con me e con la  mia passione per i fumetti, il fantastico e la cultura nerd, da  mero interesse nel tempo libero a cosa a cui dedicarmi a livello professionale, alla faccia di chi mi diceva che erano solo un hobby e dovevo trovarmi un lavoro serio.
Bellissimi i cosplayer, simpatici gli incontri, gustosi gli acquisti, soprattutto gadget fatti dai fan. A questo proposito, dato che si chiama Torino Comics, mi piacerebbe qualche stand in più di fumetti, con case editrici e simili: nulla contro serie tv, cinema, arte, gadget, videogames, giochi di ruolo, ma i fumetti dovrebbero tornare centrali, con magari anche qualche libro in più.
A proposito? Che c’entrano gli Youtubers? Fossero ragazzi e ragazze che fanno web serie nerd e cose simili li capirei, ma questi qui fanno i cretinotti e basta…
Detto questo, non facciamo sempre i criticoni: io amo Torino Comics, con tutti i suoi difetti (ma nessuna fiera è perfetta, nemmeno l’inarrivabile Lucca Comics), quei giorni là dentro sono sempre magici, divertenti, fantasiosi, stimolanti, simpatici, trascinanti. Soprattutto per chi è abbastanza grande da ricordarsi quando questi eventi non esistevano, ed era tutto tanto grigio…
Ci rivediamo a dicembre!

Tanti bellissimi cosplayer, tanti begli stand, la bravissima Black Banshee, meglio nota come Marga Biazzi, Tamara Deroma con la sua simpatia, il nuovo talento del fantasy Luca G. Airale, lo stand della Stic, Fausto, James, la gara del cosplay, gli ottimi acquisti, il ciao ciao alla Barbie di Malefica che spero di ritrovare presto… queste sono solo alcune delle cose che ho adorato a Torino Xmas Comics, un altro appuntamento splendido di questa fine anno. Ragazzi, vi voglio bene e continuiamo così.

Per il quinto anno consecutivo sono tornata a Lucca, cosa mai successa finora, e salvo qualcosa di veramente brutto continuerò su questa strada anche i prossimi anni. Certo, in mezzo è successo il guaio di Parigi che di colpo ha reso Lucca lontanissima, ma resta sempre nel mio cuore. Anche quest’anno un tripudio di cosplayer, colori, stand, cose, persone da incontrare e reincontrare, per fortuna nessun intoppo come l’anno scorso (non per colpa della Fandango ma per cause di forza maggiore) per cui anche il viaggio è andato benissimo, e sulla via del ritorno ho avuto modo di assaggiare le meravigliose patatine San Carlo del 1936 diventate una mia nuova droga.
Lucca è sempre splendida e credo che diventerà teatro di uno dei miei prossimi romanzi, ambientato nel mondo otaku e nerd, quest’anno mi sono goduta le sue vie, le sue librerie, le sue gallerie d’arte, il suo fossato con il canale, le sue chiese più che gli anni scorsi. Insomma, andare là è terapeutico e mi aiuta a attenuare la depressione che mi prende ogni autunno…

Cosette interessanti che ho visto o letto

Porto-proibito-bao-0

Un fumetto storico a dir poco meraviglioso, ideato a quattro mani da due autori che ho avuto l’onore di conoscere di persona. Da avere assolutamente.

9_81

Le prime due stagioni di Under the dome sono molto belle, la terza mi ha un po’ delusa, ma resta comunque una serie con un’ottima idea di partenza, personaggi interessanti, a cominciare dall’ambiguo Big Jim, un cattivo che non riesci ad odiare, ed una variante sul tema della stanza chiusa con profonde metafore sociali. Il finale resta aperto e qualche voglia di avere una conclusione resta.

11949456_1492848721028886_6167252361491183508_n

Questi sono gli amici del gruppo cosplay in tema, ispirati ad un universo interessante, soprattutto quando si declina in Agents of shields, che all’inizio non mi prendeva granché ma che poi diventa davvero interessante. Da vedere.

cop-low-chalk-hill-94Z22C25

Romanzo gotico britannico scritto da un’autrice tedesca che riesce ad essere interessante ed affascinante, pur basandosi su un canovaccio trito e ritrito. Si legge con piacere.

MassimoPolidoro1 2

Massimo Polidoro è il simpaticissimo autore di un bel thriller, Il passato è una bestia feroce, cold case su una ragazzina scomparsa ma anche epopea delle disillusioni di chi era adolescente negli anni Ottanta. Molto bello.

MassimoPolidoro2 2

Ancora Massimo Polidoro

Nel paese dei Mullah-Vassaf

Un fumetto per capire l’Iran, le disillusioni dietro integralismo e rivoluzioni che volevano cambiare il mondo e hanno solo peggiorato. Un’opera da avere e leggere, soprattutto in questo momento storico.

Ho continuato e continuo a leggere in maniera bulimica, anche per il famoso saggio sul fantasy che forse, dico forse, si sta avviando alla sua conclusione.
Ecco una scelta di alcuni libri che ho letto, non per il saggio, in questi mesi, che mi hanno colpita in maniera particolare e mi sono piaciuti.

vo0rtBZ

Una splendida distopia anni Sessanta, una metafora dell’odio per il diverso e dell’integralismo religioso molto, molto attuale. Da leggere a qualsiasi età, sia che si faccia parte della generazione cresciuta con Ufo e Spazio: 1999, sia di quella che si è appassionata a Hunger Games.

896 Mar[1]. 27 20.06

Un piccolo gioiello, molto burtoniano. E l’immagine è parte integrante del tutto.

549403_10207509664003083_9019437930188307764_n

Ho letto anche il seguito, e cosa dire se non che sono entusiasta dell’idea che Tim Burton farà un film da questo libro? Molto, molto bello.

1907493_840613772658442_1495120169983581292_n

Autrice adorabile, Alessia Coppola, bellissimo romanzo, che rilegge un mito (a proposito, buon 150esimo compleanno Alice) con nuove idee ma senza snaturamenti. E bravi anche a Dunwich edizioni, semplicemente adorabili a proporre autori e autrici italiani del fantastico.

11053360_10152756039087322_6570509869086851118_n

Molto molto carino, un chick novel tutt’altro che banale e scontato, con tanto spazio per i libri e le aspirazioni personali.

CANDY-CANDYlow

Libro sul’onda della nostalgia. Non tornerei ad avere 12 anni e sono anni che non guardo più Candy, ma l’ho messo in bella mostra nella mia biblioteca.

collezionista

Bello e solido romanzo storico, sulla carneficina della Prima guerra mondiale, con un interessante microcosmo di personaggi.

copertinaSIRENE

Piccolo gioiellino illustrato su alcune creature dell’immaginario. Da regalare ai più giovani, ma anche a noi stessi.

Steampunk artwork

Steampunk è una splendida antologia in tema edita da Elara, casa editrice che mi piace sempre di più, con racconti e saggi. Un must se si ama il genere o anche solo se si vuole saperne di più.

etu

Ho letto tanti libri sulla Shoah, ma pochi sono incisivi, diretti, brutali, efficaci e toccanti come questo. Nemmeno cento pagine che dicono tutto e restano.

LADY-OSCAR-Def_low

Un compendio tutto illustrato su un mito dell’animazione, con tante curiosità e belle immagini. D’accordo, è una concorrente per me, ma io apprezzo la sana competizione.

la-sentinella-201x300

Distopia religiosa, tra thriller e fantascienza, che inquieta e fa pensare. Tutta made in Italy.

null041796

Una storia di adolescenti scritta da un’adolescente tra disincanto e sogni, drammi e aspirazioni. Da leggere anche se non si è più adolescenti da un pezzo.

polidoro

Un cold case crudo e teso, un viaggio nel passato e alla ricerca della verità, ma anche la storia di noi, ragazzini degli anni Ottanta, che ci siamo trovati in un mondo che non immaginavamo. Struggente.

quando

Una storia dal punto di vista dei vinti, che spiazza e fa riflettere.

SAM_6686

Un bellissimo romanzo gotico e fantastico, di ambientazione vittoriana, primo di una serie, con tante suggestioni. La foto raffigura la mia copia, a Pian del Sole con me sopra Bardonecchia.

tilli

Un incontro tra generazioni, un’anziana in cerca di un ultimo sogno e una giovane che deve scoprire i suoi sogni. Ci si ritrova.

Il-porto-proibito-Mega-634x312

Il porto proibito è uno dei fumetti più belli che ho letto in assoluto. Romanzo di formazione, d’avventura, in costume, storico, marinaresco, commedia umana. E i due autori, Teresa Radice e Stefano Turconi, sono semplicemente adorabili.

maledragc

Un fumetto a dir poco splendido, un piccolo capolavoro e un’opera d’arte anche nella presentazione grafica.

Non so se sarà l'ultimo film dello Studio Ghibli, ma so che è semplicemente delizioso, una fiaba surreale tra passato e presente, la storia di due ragazze intimamente legate, una storia di fantasmi, di solitudine, di crescita, di speranza. Spero davvero che non sia l'ultimo film dello studio Ghibli.

Non so se sarà l’ultimo film dello Studio Ghibli, ma so che è semplicemente delizioso, una fiaba surreale tra passato e presente, la storia di due ragazze intimamente legate, una storia di fantasmi, di solitudine, di crescita, di speranza. Spero davvero che non sia l’ultimo film dello studio Ghibli.