archivio

Scrittura creativa

1511429_10151982940880588_1033447960382672626_n

Già fatto ne Le eredi di Bastet. E ho in mente un reboot del libro in questione con la tizia in questione ancora più cattiva, con quello che mi ha fatto davvero…

10268574_10152377901761151_92042617059304078_n

Pienamente d’accordo con queste grandi persone.

emisferi

Se lo dicono loro… io mi sento più creativa.

1536431_675992412453227_1527767314_n

Io sapevo che l’aveva detto Moana Pozzi…

8-SOlV0pyM-l

Effettivamente un po’ ci azzecca…

1982311_687591517946222_867237019_n

Ci ho messo anni a capirlo, ma ora ci sono arrivata.

10004016_10152358421486392_1767918072_n

Ecco cosa amo dell’Irlanda.

1902030_656470771067367_1613571935_n

Ho imparato con gli anni a non annoiarmi. L’errore più grande che ho fatto è stato quando ho messo da parte le mie aspirazioni.

1535049_624825324253389_133799476_n

Come ben sanno alcuni rompiscatole di sesso maschile che ci hanno provato…

1966857_661089280594055_535883751_n

Queste sono eroine..

1970511_688658191199175_367251547_n

Qualcosa c’è…

10006591_10154014801870472_2899880225375226981_n

Vale anche per i libri.

1948150_10152429413403706_3701815507872710477_n

Addio, maestro, ovunque tu sia, magari hai trovato alla fine la tua Macondo.

64177_10151999416988558_834940536_n

C’è chi vuole credere che noi creativi siamo così…

1526300_701049259933581_3873439898940777038_n

Appunto. Vale anche se si sostituisce la parola reader con cinephile o serial watcher.

1530532_677773665606273_221929937_n

Le parole del mio George preferito insieme a Lucas. Detto questo, George, shake your ass and write the last books!

10177272_733105803406704_5429952661754094905_n

Vero, ma con gli anni ci impari a convivere.

!cid_4EF4D8AC-BE44-4470-B434-76E7A837A877 155146_767285749957210_2131825491_n 969056_10152135406977976_273378418_n 10300021_10152395436438872_4942710977520076512_n 10177288_733105360073415_8999721388809743576_n 10329232_10204042561689068_7258718574778449743_n 10356407_10202975246156089_1580652879354884439_n 10003952_10202766131347823_775566811048758935_n 10172733_10152442700056151_864307200088110097_n 15280_530387027000623_1631763015_n 10352590_830905270271029_2019585115546862426_n 10303300_10152578278317868_8179158865225663941_n 10325416_10152572121192868_2188121747694282138_n 10013806_10152043476123581_1860157165_n 1503259_10151891171340875_1543988889_n

526561_10151862507570827_1282720823_n 10461913_1490421697858799_955900968_n

l43-cultura-business-121123190536_medium

Ecco un po’ di regole di grandi scrittori.
Stephen King
1. Arriva al punto Non perdere tempo, non annoiare il tuo lettore con introduzioni infinite e aneddoti sulla tua vita. Cerca di ridurre le parole inutili. Cerca di arrivare al punto prima che il lettore perda la pazienza.
2. Scrivi, poi fermati Lascia riposare i tuoi lavori nel cassetto. Per quanto tempo? Dipende. Stephen King archivia le bozze per diversi mesi prima della rilettura e dell’editing.
3. Elimina il testo inutile La rilettura è il momento giusto per rimuovere le frasi e le parole superflue, per dare chiarezza al messaggio. E affilarne l’emotività.
4. Sii credibile I personaggi di Stephen King sono credibili perché hanno lati buoni e cattivi. Perché hanno difetti, passioni, paure, debolezze. Questo meccanismo crea un forte legame con il lettore che si affeziona ai protagonisti dei suoi romanzi.
5. Ascolta (ma non troppo) i giudizi Un libro, un articolo, un post sul blog: cosa hanno in comune? Il feedback esterno. Stephen King riceve una quantità infinita di commenti, lettere, recensioni, critiche letterarie. Non sempre i toni sono positivi, ma non per questo mette un punto alla sua carriera.
6. Leggi molto Leggere vuol dire imparare. E ogni scrittore che si rispetti deve leggere molto per trovare nuovi input, per ampliare gli orizzonti, per approfondire la conoscenza e mescolarla con nuove influenze.
7. Scrivi molto Ultimo consiglio, il più importante: devi scrivere di più. È un’osservazione ovvia che diventa insidiosa quando non hai voglia di scrivere. L’ispirazione non arriva a comando.

Ray Bradbury
1. Mettersi al lavoro: Tu non sai quello che si può fare fino a quando si tenta, ha detto Bradbury. Gli scrittori invece di chiedere che cosa devo fare? Devono domandarsi che cosa sono io? E iniziare a scrivere da quella risposta.

2. Visita la biblioteca spesso: La visita a una biblioteca è essenziale per diventare un buon scrittore, per Bradbury è un luogo pieno di sorprese, a volte è meglio sbarazzarsi del computer e di Internet.

3. Guardare buoni film: Bradbury dice che la visione di buoni film aiuta a migliorare la scrittura.

4. Dieci cose che amo, dieci cose che odio: Bradbury consiglia di fare una lista di dieci cose che si amano, dieci cose che si odiano e dieci cose di cui si ha paura. Nella scrittura bisogna quindi esaltare ciò che si ama e uccidere ciò che si odia e fa paura.

5. Scegliete con cura ciò che si legge: Bradbury sostiene che questa risorsa è fonte di creatività.

6. Tenete lontano i vostri idoli: Va bene avere scrittori che si ammirano, ma si corre il rischio di copiarli sia consciamente che inconsciamente, quindi è essenziale trovare la propria identità.

7. Iniziate scrivendo brevi testi: L’ansia è comune in coloro che si avviano nel mondo della scrittura. Bradbury consiglia di essere pazienti e di non iniziare un romanzo: è preferibile partire scrivendo racconti brevi e imparare la l’arte. Se ci si imbarca sulla scrittura di un romanzo è difficile sapere come sarà il risultato finale. Invece, se si scrive testi brevi, si può vedere il risultato alla fine della settimana e l’autostima ne trarrà beneficio.

8. Scrivi la prima cosa che viene in mente: Bradbury, per combattere il blocco dello scrittore, aveva un cartello che diceva di non pensare proprio accanto alla macchina da scrivere. Se la mente è completamente vuota è perché si sta facendo qualcosa di sbagliato e non si sta divertendo e allora è consigliabile tornare alla linea di pensiero in cui eravate prima di perdere l’ispirazione.

9. Alimenta la tua fantasia: Una tecnica che Bradbury raccomanda di usare per mantenere la mente sveglia è quella di leggere un racconto, una poesia e un saggio ogni sera prima di andare a dormire: è un metodo utile per integrare le informazioni ed alimentare la creatività.

10. Mantenete la distanza da persone che non credono in te: Bradbury consiglia di stare lontano dalle persone che non credono nel talento che avete.

11. Non pensate a fare soldi: Vi disamorereste del mestiere.

12. Scrivete con uno scopo: Chiedetevi che cosa si vuole creare con la vostra scrittura. Ci sono persone che cercano di lasciare un messaggio, altri creano qualcosa di bello, un po ‘ di ritrarre una certa realtà. Lo scopo di Bradbury è stato quello di essere amato per quello che ha fatto.

13 . Godete: Pensate alla scrittura – più che a un lavoro – a un processo gioioso e non qualcosa di serio. Tanto è vero che uno scrittore famoso disse di non aver mai lavorato un giorno in vita sua.

Umberto Eco
1. Evita le allitterazioni, anche se allettano gli allocchi.

2. Non è che il congiuntivo va evitato, anzi, che lo si usa quando necessario.

3. Evita le frasi fatte: è minestra riscaldata.

4. Esprimiti siccome ti nutri.

5. Non usare sigle commerciali & abbreviazioni etc.

6. Ricorda (sempre) che la parentesi (anche quando pare indispensabile) interrompe il filo del discorso.

7. Stai attento a non fare… indigestione di puntini di sospensione.

8. Usa meno virgolette possibili: non è “fine”.

9. Non generalizzare mai.

10. Le parole straniere non fanno affatto bon ton.

11. Sii avaro di citazioni. Diceva giustamente Emerson: “Odio le citazioni. Dimmi solo quello che sai tu.”

12. I paragoni sono come le frasi fatte.

13. Non essere ridondante; non ripetere due volte la stessa cosa; ripetere è superfluo (per ridondanza s’intende la spiegazione inutile di qualcosa che il lettore ha già capito).

14. Solo gli stronzi usano parole volgari.

15. Sii sempre più o meno specifico.

16. La litote è la più straordinaria delle tecniche espressive.

17. Non fare frasi di una sola parola. Eliminale.

18. Guardati dalle metafore troppo ardite: sono piume sulle scaglie di un serpente.

19. Metti, le virgole, al posto giusto.

20. Distingui tra la funzione del punto e virgola e quella dei due punti: anche se non è facile.

21. Se non trovi l’espressione italiana adatta non ricorrere mai all’espressione dialettale: peso el tacòn del buso.

22. Non usare metafore incongruenti anche se ti paiono “cantare”: sono come un cigno che deraglia.

23. C’è davvero bisogno di domande retoriche?

24. Sii conciso, cerca di condensare i tuoi pensieri nel minor numero di parole possibile, evitando frasi lunghe — o spezzate da incisi che inevitabilmente confondono il lettore poco attento — affinché il tuo discorso non contribuisca a quell’inquinamento dell’informazione che è certamente (specie quando inutilmente farcito di precisazioni inutili, o almeno non indispensabili) una delle tragedie di questo nostro tempo dominato dal potere dei media.

25. Gli accenti non debbono essere nè scorretti nè inutili, perchè chi lo fà sbaglia.

26. Non si apostrofa un’articolo indeterminativo prima del sostantivo maschile.

27. Non essere enfatico! Sii parco con gli esclamativi!

28. Neppure i peggiori fans dei barbarismi pluralizzano i termini stranieri.

29. Scrivi in modo esatto i nomi stranieri, come Beaudelaire, Roosewelt, Niezsche, e simili.

30. Nomina direttamente autori e personaggi di cui parli, senza perifrasi. Così faceva il maggior scrittore lombardo del XIX secolo, l’autore del 5 maggio.

31. All’inizio del discorso usa la captatio benevolentiae, per ingraziarti il lettore (ma forse siete così stupidi da non capire neppure quello che vi sto dicendo).

32. Cura puntiliosamente l’ortograffia.

33. Inutile dirti quanto sono stucchevoli le preterizioni.

34. Non andare troppo sovente a capo. Almeno, non quando non serve.

35. Non usare mai il plurale majestatis. Siamo convinti che faccia una pessima impressione.

36. Non confondere la causa con l’effetto: saresti in errore e dunque avresti sbagliato.

37. Non costruire frasi in cui la conclusione non segua logicamente dalle premesse: se tutti facessero così, allora le premesse conseguirebbero dalle conclusioni.

38. Non indulgere ad arcaismi, apax legomena o altri lessemi inusitati, nonché deep structures rizomatiche che, per quanto ti appaiano come altrettante epifanie della differanza grammatologica e inviti alla deriva decostruttiva – ma peggio ancora sarebbe se risultassero eccepibili allo scrutinio di chi legga con acribia ecdotica – eccedano comunque le competente cognitive del destinatario.

39. Non devi essere prolisso, ma neppure devi dire meno di quello che.

40. Una frase compiuta deve avere.

E così le vacanze stanno per finire, anche se il tempo finalmente è bello, e occorre riprendere le proprie attività.
Adoro scrivere, ma bisogna che mi metta sotto a farlo, anche perché entro fine anno vorrei terminare tre progetti di  narrativa, una storia vampirica, una storia tra magia e Storia, e una chick lit più intellettuale, e altrettanti di saggistica, su un celebre manga, un celebre telefilm e sulle donne protagoniste di fiction.
E poi bisogna che promuova i miei romanzi giù usciti e in uscita.

Qualche tempo fa ho dovuto affrontare due ultras che difendevano a spada tratta quella truffa che è l’editoria a pagamento, una che diceva che in fondo pagare per pubblicare non è sbagliato come non è sbagliato usare il proprio corpo per fare carriera (la signora in questione fa parte, badate bene, di un’associazione femminista!) e l’altra un’informatica, parte di un terzetto che ha rovinato le mie lezioni di scrittura creativa (che riprenderò in altra sede) che ha confermato come chi si occupa di pc non capisca un piffero della vita oltre ad essere arido e alienato.
Le motivazioni di queste due simpatiche personcine erano totalmente in malafede e partivano dal presupposto che pubblicare le proprie cavolate sia un diritto assoluto per cui è giusto pagare e che l’editoria seria sia in mano a raccomandati, che pagano per farsi recensire i libri dai giornalisti (ohinò, ricevo una media di 15 libri al mese da recensire e non ho mai visto un soldo!). Inoltre si attaccavano anche alla cosa strappalacrime che se hai solo quella possibilità di pubblicare, pagando, devi farlo.
Ecco, non funziona proprio così, e devo dire che il mondo della scrittura è ammorbato da tutti questi geni incompresi che si ritengono vittime dei raccomandati quando invece semplicemente non sono capaci di scrivere cose decenti.
Riconoscere che le menate che hai scritto sono da far leggere al massimo ai genitori e a qualche altro malcapitato è troppo per queste personcine, che ritengono giusto destinare tremila euro (non voglio pensare quante persone potrebbe curare Gino Strada con quei soldi, o quanti cani e gatti randagi sarebbero aiutati) per avere la casa piena di libri (brutti! I libri pubblicati a pagamento sono orrendi!) di case editrici sconosciute o note truffatrici (un nome a caso? Ma loro, Il Filo Albatross!), da propinare ai malcapitati di turno, così come fa la Folletto con i suoi aspirapolvere. Non è un caso che uno degli autori a pagamento che ho la disgrazia di conoscere (genio incompreso che ritiene che fai cose interessanti nella vita solo se ti svendi o sei raccomandato, meno lo vedo meglio sto) è amico di una fallita che passa la vita a fregare pensionati e casalinghe con il Folletto.
Pubblicare un libro non è un diritto assoluto, solo chi è capace a scrivere e ha talento ha il diritto di farlo. Gli altri si trovino un altro hobby, invece che accusare il mondo di essere in mano ai raccomandati per giustificare il loro fallimento. I raccomandati ci sono e ci saranno sempre, in tutti i settori, ma esistono anche persone che facendosi tombini quadri per anni e anni riescono ad arrivare a dei risultati interessanti. Certo, ci va costanza, bisogna mettersi in discussione, per esempio accettando l’editing. C’è gente che sostiene di aver scritto il nuovo capolavoro della letteratura mondiale e che mai o poi mai vuole che sia toccato. E invece va toccato, rielaborato, discusso.
Vorrei comunque ricordare a questi genietti che non è necessario foraggiare il gruppo Albatross: esistono i siti di self publishing, come Lulu o Ilmiolibro o Boopen, che ti permette di mettere in vendita i tuoi scritti a prezzi modichi e con il print on demand. Perché non sfruttarli allora? Sono comunque meglio dell’editoria a pagamento, e sono fatti per soddisfare le brame di scrittori esordienti più o meno capaci.
Ho usato Lulu per pubblicare due libri che avevo messo precedentemente on line, e per Il libro nero delle agenzie per il lavoro, con il quale non ho voluto inguaiare nessun editore e che non volevo rendere più soft di quello che è.
Due parole ancora per la pasionaria dell’editoria a pagamento e per le sue due amiche (due informatiche e una casalinga frustrata che per anni ha fatto ogni tipo di lavoro, compreso tirare il collo alle galline, già solo per quello mi è stata sullo stomaco!), che ho individuato dopo cinque minuti d’orologio durante la prima lezione come tre piantagrane: hanno ammorbato le lezioni con assurde pretese di lezioni di teoria della scrittura  e vorrei sapere cosa intendevano, di grazia?  Ho parlato di come passare dall’idea di partenza alla stesura, della differenza tra scrivere a braccio e scrivere con una scaletta, di protagonisti e antagonisti, delle regole e delle varianti sui generi letterari, della differenza tra l’usare la prima e la terza persona, della differenza tra tempo presente e passato, dando dei compiti facoltativi da fare che per di più non facevano e dando consigli di letture da fare per capire come impostare una storia, ma si vede che non era abbastanza.
Il brutto è che hanno plagiato con le loro esigenze altre persone che non mi sarei aspettata e che hanno lasciato il corso per mettere su un laboratorio autogestito che ho vivamente sconsigliato di fare dove c’era il corso, perché sarebbe stato davvero scorretto. Vabbé, ricomincio da zero, con un altro metodo (scaletta e non più lezioni amichevoli, quello è il programma e basta!) e come si dice certa gente è meglio perderla che trovarla, soprattutto se difende l’editoria a pagamento.

 

Immaginiamo che da qualche parte esiste un signore che si chiama Hannibal Lecter: un giorno questo signore scopre che uno scrittore di nome Thomas Harris l’ha reso protagonista di una serie di romanzi thriller, o meglio, ha creato un personaggio che, casualmente, si chiama come lui. Dubito che questo signore potrebbe fare granché contro Thomas Harris, anche perché esiste una differenza tra realtà e fantasia, e Harris non ha voluto certo dire che lui sia un serial killer cannibale ricercato dall’FBI.
Non sono ancora Thomas Harris, ma mi sta capitando una cosa analoga: l’altro giorno trovo nella mia casella di posta un messaggio di una tipa mai sentita e mai conosciuta che mi dice che ha notato che in uno dei miei racconti (di genere horror gotico, ma sarò libera di scrivere cosa mi piace) il protagonista, un torturatore di gatti, ha lo stesso nome di suo cugino, tra l’altro anche piuttosto raro. Ora, io i nomi, come tutti gli scrittori, li invento a random, mettendo insieme nomi e cognomi che sento in giro, evitando nomi famosi (Silvio Berlusconi e simili) o nomi di persone che mi sono troppo vicine, anche come amici. Le rispondo in tono casuale ed ecco che mi arrivano delle minacce sul perché ho usato il nome di questo tizio, che pare sia l’unico in Italia a portarlo (si tratta di un nome comune e di un cognome normale, non di nomi stranieri o astrusi..), anche da parte di un’associazione di consumatori e di nuovo di questa tipa.
Allora, vorrei ricordare che una cosa è la realtà e una cosa è la fantasia, e che dire che un personaggio di un racconto di finzione è una minaccia o un attentato alla privacy di una persona reale è vagamente assurdo. Rivendico il mio diritto di chiamare come mi pare e piace i miei personaggi, buoni o cattivi, e di inventarmi le storie che voglio. In fondo, è uno dei miei lavori quello di inventare storie. Poi ne racconto anche, per i giornali, e di storie vere. E qui alla realtà ci sto attenta. Spero che queste persone si trovino qualcosaltro da fare che intasarmi la casella di posta elettronica di messaggi assurdi, ma si vede che periodicamente devo essere scocciata dallo sciroccato o sciroccata di turno…

E così sono riuscita ad “infiltrarmi” come insegnante di scrittura creativa presso la Biblioteca delle Donne: ho debuttato mercoledì scorso, domani c’è la seconda lezione. Nel primo incontro ho cercato di capire le esigenze delle mie allieve, dai 14 ai 77 anni, e mi sono resa conto che c’è chi vuole consigli pratici per la scrittura e chi vuole consigli pratici per pubblicare e farsi conoscere. Ottima cosa, ma sarà non semplice mettere insieme le esigenze di tutti. Comunque ci proverò.
Ho notato un grande interesse per la memorialistica, anche familiare, per i racconti delle proprie famiglie, per il thriller e i racconti. Stranamente, ma nemmeno tanto, alle più giovani non interessano i vampiri alla Twilight e meno male.
Domani seconda lezione, tra panoramica sui generi letterari, esercizi pratici e cosa piace e cosa non in un libro. E approfondimenti qui sul blog!


Editoria a pagamento: cos’è? È quella cosa per cui tu, aspirante scrittore a caccia di una casa editrice, devi sborsare soldi per vedere pubblicata la tua opera.
In altri termini significa che tu, impiegato presso una qualsiasi azienda, devi pagare il tuo capo 1200€ al mese. Perché? Perché sì, naturalmente, perché il mercato è in crisi e non pretenderai che l’azienda si sobbarchi rischi simili? Già ti permettono di lavorare e di avere un posto quando la crisi finirà, quindi zitto e firma l’assegno.

Questa è la prima giornata nazionale contro l’editoria a pagamento, caro scrittore, e siamo qui non tanto per protestare quanto per informare tutti gli autori che, come te, sono alla ricerca di un editore che pagare per pubblicare non è l’unico modo.
E non è nemmeno la regola.

Pubblicare non è un diritto. Non è un diritto inalienabile dell’uomo, si può vivere benissimo anche senza pubblicare un libro. Detto questo, pensa un attimo a una cosa. Prova a immaginare di avere solo la terza media e di volere, a tutti i costi, diventare architetto.
Cosa fai? Vai in uno studio e pretendi di essere assunto? No. Non lo faresti mai, nemmeno ti passa per la testa: non hai le competenze per farlo e un tuo errore causerebbe la morte di molte persone.
Allora perché intestardirsi sul voler pubblicare a tutti i costi? Diventeresti architetto corrompendo, pagando chi ti assume e sapendo che potresti ammazzare qualcuno?
Pubblicare senza averne le competenze equivale a voler fare l’architetto con la licenza media.
Se pagare l’esaminatore per farti passare l’esame della patente senza studiare è corruzione, pagare per pubblicare è perfettamente legale ma a conti fatti cambia qualcosa?
La maggioranza degli editori a pagamento pubblica qualunque cosa. Guardati questo video a proposito: http://www.youtube.com/watch?v=A2TXLPqg6M0

Pubblicare non è un servizio. L’editore che sceglie di pubblicare un manoscritto non lo fa per carità divina, per fare un favore all’autore o perché l’autore gli è simpatico: lo fa perché crede che da quel libro potrà ricavarci qualcosa in termini economici.
L’editore è un imprenditore: scommette i propri soldi in ciò che ritiene redditizio; esattamente come fa chi acquista le azioni in borsa, esattamente come chi apre un’attività.
Pubblicare un libro è un lavoro. Un lavoro che va retribuito, perché su quel lavoro l’azienda ci guadagnerà. La tua azienda guadagna anche grazie al tuo lavoro; l’editore guadagna grazie al tuo libro.
Sarebbe come pensare a un ristorante senza pietanze: se chi gli fornisce gli alimenti non viene pagato il ristoratore rimarrà presto senza nulla da dare ai suoi clienti. Il ristoratore non chiede al suo fornitore di pagarlo per fornirgli la merce, è l’esatto opposto.
Ci pensi a un venditore all’ingrosso che viene apostrofato con “o mi paghi o io la tua merce non la prendo”?

Pubblicare senza essere conosciuti non è impossibile. Così come non è impossibile pubblicare gratis. Gli editori che pubblicano esordienti senza chiedere un centesimo ce ne sono a centinaia. Qui ce ne è una lista: http://writersdream.org/case-editrici/lista-free
E se nessun editore non a pagamento ti pubblica ti si aprono due vie: rinunciare e pensare che probabilmente nel testo c’è qualcosa che non va o scegliere l’autopubblicazione tramite un POD (Print On Demand) come Lulu o Boopen o Ilmiolibro, avendo cura di dare la disponibilità del download gratuito assieme all’acquisto del testo cartaceo.
Se stai pensando che in questo modo, senza un editore a pagamento alle spalle, non avrai editing, correzione bozze, copertina e promozione sbagli: l’unica cosa che ti mancherà sarà la copertina.

Anni fa ho collaborato per un breve periodo per una rivista letteraria, che recensiva esclusivamente libri di esordienti che avevano pagato per la pubblicazione: esperienza che ancora oggi mi fa rizzare i capelli sulla testa come quelli della regina Himika di Jeeg robot d’acciaio, per la qualità infima dei testi. Motivo per cui in tempi recentissimi ho rifiutato un lavoro analogo (oltre tutto non retribuito).
L’editoria a pagamento è un cancro del mondo dei libri, e vede coinvolte due categorie di persone: da un lato editori che definire tali è un’esagerazione, perché sono semplicemente furbetti in cerca di polli da spennare, non diversi da categorie di persone che detesto quali i vari piazzisti porta a porta, al telefono o per strada. Truffatori, insomma. Truffatori che qui però hanno come complici i babacchioni che  dall’altra parte cascano nella trappola della loro offerta, bevendosi i complimenti (insinceri) che questi danno loro, e accettando di tirare fuori delle cifre considerevoli per dei libri che cento ad uno finiranno nei loro solai a prendere polvere.
Ci sono case editrici che pubblicano gli esordienti senza farsi pagare, occorre avere tempo, costanza e umiltà, ma lasciarsi incantare dalle lusinghe dell’editoria a pagamento per avere in mano il proprio nome stampato sul libro, beh quello è proprio da idioti. Tra l’altro, i libri pubblicati a spese degli autori non vengono considerati dalle biblioteche, dalle librerie, dalle redazioni giornalistiche importanti, perché considerati, e a ragione mi verrebbe voglia di dire, privi di interesse.
Altre strade più tecnologiche da percorrere che posso capire e condivido sono il farsi un sito web con i propri scritti o l’aprire uno spazio Lulu con il print on demand. Ma dare 1000, 2000, 3000 euro ad un piazzista dell’editoria contento di fregarvi come quello del Folletto con la nonnina, questo è proprio da pirla, se mi consentite il francesismo.
Se si ha un po’ di amor proprio e si crede nel proprio lavoro, rifiutiamo queste forme truffaldine di editoria: che non si venga retribuiti per cosa si scrive è all’inizio abbastanza normale, che si debba rimettere di tasca propria, ecco questo è proprio inaccettabile.
Consiglio di leggere anche cosa scrive la mia amica Facebookiana Sonia Caporali, anche lei scrittrice.
Comunque, quei testi erano allucinanti… mi ricordavano le mail che quel folle di Mazara del Vallo mi ha scritto qualche mese fa per convincermi a pubblicare i suoi racconti illustrati wiccan: da delirio!
Se amiamo scrivere, rifiutiamo certe cose.

C’è sempre una prima volta: e domenica 17 gennaio prossima, alle 17, presenterò alla libreria Coop di piazza Castello 113 di Torino i tre libri che ho scritto per la Iacobelli editore su Candy Candy, Capitan Harlock e Sailormoon.
Diciamo che la cosa mi agita un attimo: se penso che fino a tre anni fa ero un’infelice precaria con la doppia vita di scrivere racconti e fanfiction sul web e di aggiornare il mio sito… Diciamo che sono felice di aver saputo dare una svolta alla mia vita, grazie anche alle occasioni che mi sono state date di rimettermi in gioco studiando, di riprendere contatti più fruttuosi sul lavoro e sulla scrittura, nello scaricarmi di dosso tante cretinate. E domenica, presentazione alla Coop, sperando che sia la prima di molte, perché continuerò e sto continuando a scrivere.